Riapre il Centro Culturale Tina Modotti a Caracas

20131006-000633.jpg
Riapre il Centro Cultural Tina Modotti a Caracas

Una nuova forma d’insegnamento della lingua e cultura
per mostrare l’Italia contemporanea

Tra materiali digitali e multi-media ritorna il CCTM

Caracas: Lunedì apre i battenti la scuola di Lingua e Cultura italiana del Centro Cultural Tina Modotti a Caracas. Corso di Italiano livello 1 – con cadenza bisettimane il lunedì e mercoledì dalle ore 13.30 alle ore 15. Corso di Letteratura Italiana “Otto scrittori italiani dal microcosmo regionale all’attualità” martedì e giovedì dalle ore 16.30 alle ore 18. Il massimo di allunni per ogni classe è di sei studenti.
I Corsi si svolgeranno nella sede del CCTM nell’edificio Pascal Torre B Local 5 B (Santa Eduvigis, Avenida Rómulo Gallegos, al lado del Excélsior Gama, Frente Torre KLM) Metro fermata Miranda.

http://www.agoramagazine.it/agora/Riapre-il-Centro-Cultural-Tina

Seguendo il cammino intrapreso negli scorsi anni il Centro propone corsi che si smarcano dalla visione della lingua italiana come prodotto commerciale, mettendo al centro della stessa il suo valore culturale e offrendo un sistema di insegnamento che risponde alle esigenze dei tempi in cui viviamo.

El bar del tiempo

“Sicuramente il fatto di utilizzare quasi solo materiali digitali e audio visuali, in buona parte auto-prodotti – spiega il professore Antonio Nazzaro uno dei fondatori del CCTM – fa della nostra piccola scuola un laboratorio linguistico in grado di rispondere ai bisogni di una società fondata sull’immagine e sull’esperienza visuale”.

Caracas – Cielo grande Davide Rondoni

L’incontro con il noto poeta italiano Davide Rondoni, da noi già coinvolto in un progetto di “materializzazione” delle sue poesie attraverso l’esperienza con una ventina di studenti dell’Università delle Arti Armando Reveron di Caracas, sfociato poi in un happening con lo stesso poeta nel Museo di Arte Contemporanea, e, nello stesso Museo l’essere riusciti, sempre come CCTM, ad organizzare, dopo quindici anni d’assenza dell’arte italiana, una mostra collettiva di video poesia italiana, ripropone il Centro come uno dei motori della promozione della cultura non commerciale italiana in Venezuela.

Ponencia “Descubriendo el cuerpo” montaje foto ensayando UNEARTE

“Credo che l’esperienza acquisita in questi anni – continua Nazzaro – ci ha arricchito di capacità e conoscenze che fanno del C.C. Tina Modotti una nicchia per tutti i venezuelani interessati all’Italia,che non è solo gastronomia e moda, ma soprattutto cultura. Inoltre la trasmissione del sapere attraverso documenti visivi autentici da noi tradotti, sottotitolati e rieditati, ci permette di mostrare un’altra Italia fuori dalla visione del paese-prodotto.”

Il CCTM ha la particolarità di usare materiali multi-mediali prodotti dagli stessi fondatori dell’Istituzione e di avvalersi anche della collaborazione a distanza di insegnanti della scuola pubblica italiana, e di italiani che vivono in Venezuela, ma nati e cresciuti culturalmente in Italia.

“L’uso delle nuove tecnologie è un elemento fondamentale del Centro in quanto ci permettono di creare degli incontri con gli alunni dei nostri corsi nella web oltre che nell’aula e di poter continuamente dare nuovi stimoli verso la cultura italiana attraverso la nostra pagina fb e il nostro blog”, afferma Nazzaro.
L’esperienza del personale del Centro nell’insegnamento è conosciuta: Antonio Nazzaro è stato coordinatore didattico della scuola d’italiano dell’Istituto Italiano di Cultura di Caracas, parte integrante dell’ambasciata d’Italia, e professore di lingua nell’Università Centrale del Venezuela (UCV) e in altre istituzioni scolastiche riconosciute dallo Stato Italiano come altri suoi colleghi, tutti provenienti dall’Italia e con esperienze d’isegnamento in Venezuela.

“Sí, la formazione sul campo di chi collabora con il CCTM è un altro valore fondamentale per noi in quanto ci permette di costruire i nostri materiali didattici secondo i bisogni che esprime la società venezuelana – sottolinea il professor Nazzaro – elemento sostanziale per riuscire a rompere le barriere culturali che spesso sono un ostacolo all’apprendimento e offrire un’Italia contemporanea meno legata agli stereotipi che definiscono gli emigranti italiani in Venezuela e l’italianità nostalgica che spesso trasmette un Bel Paese che non esiste più”.

Il CCTM vuole anche essere un punto d’incontro con la comunità italiana e in questo senso si stanno programmando incontri, attraverso la web o dal vivo, con persone che fanno parte della cultura italiana contemporanea, da poeti a giornalisti a studiosi di differenti discipline.

“Uno degli scopi del Centro è l’incontro anche con chi opera nella cultura venezuelana, infatti il prossimo anno si aprirà con il profesor Carlos Silva , noto regista teatrale venezuelano, uno dei fondatori delle compagnie teatrali regionali con il mito vivente dell’educazione in venezuela José Antonio Abreu Anselmi, un laboratorio teatrale”, conclude il professore Antonio Nazzaro.

Per maggiori informazioni: Info:cctinam@gmail.com Tel: 04125646985 orario: da lunedì a giovedì dalle 9 alle 12.
http://www.facebook.com/centroculturaltinamodotticaracas https://centroculturaltinamodotticaracas.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...